domenica 15 agosto 2010

Gambas al ajillo

....ed eccomi quì di ritorno. Beh, a dire il vero non è che sia stata via tutto questo tempo. Quattro settimane sarebbe veramente un periodo molto lungo di vacanze! Sono tornata circa due settimane fa e prima mi sono fatta un bel giro nei vostri blog ... poi non sapevo più da dove cominciare a scrivere, a raccontare, a postare foto, a proporvi ricette.... insomma non è che adesso abbia le idee molto più chiare. Vorrei fare mille cose in una volta e alla fine non combino nulla.

Bando alle ciance .... eccomi di ritorno così come sono, a volte piena di incertezze e a volte esuberante ..... come la vita!

Allora se avete ancora voglia di seguirmi nei prossimi post vorrei proporvi alcuni scatti di Marbella e degli altri splendidi posti che ho visitato durante le mie vacanze, tuttavia per oggi voglio lasciarvi una ricettina spagnola. Un antipastino - una tapa - uno dei miei preferiti, che facilmente potete preparare .... premesso che vi piaccia l'aglio.

Penso che tutti conosciate le "tapas", gli spezzafame spagnoli.  Sono piccoli assaggini di vario genere, veri e propri stuzzichini salati da accomagnare con una birra, con un bicchiere di vino tinto (il vino rosso) oppure con un aperitivo di vostro gusto. D'estate, nella zona meridionale della Spagna, si usa bere il "tinto de verano", un vino rosso allungato con aranciata o limonata frizzante e servito in ghiaccio.

Le tapas sono un'"invenzione" andalusa e si usavano nell''800 per accompagnare lo sherry (in spagnolo jerez), il famoso liquore a base di ciliegia. Il nome tapas deriva dal fatto che si usava coprire il bicchiere di sherry con un piattino - una tapa, appunto - per impedire alle mosche di ronzarvi sopra. Di lì l'idea di riempire il piattino vuoto con assaggini vari, a base di carne, di pesce e di verdure.

Le tapas si mangiano in piedi davanti ad un bancone o davanti ad un tavolino rotondo, chiacchierando e ridendo con gli amici e spostandosi da un localino all'altro della città. Il locale nel quale si degustano le tapas si chiama "tasca". Le tapas sono molto amate ed apprezzate in tutta la Spagna; nei Paesi Baschi vengono chiamati pintxos, che sono gli stuzzicadenti con i quali gli assaggini vengono infilzati, un pò come accade da noi a Venezia con gli "spuncioni".


La tapa di oggi: gambas al ajillo


Ingredienti:
- 250 g di gamberetti sgusciati
- 2 spicchi d'aglio
- paprica dolce
- peperoncino
- olio Evo
- prezzemolo



Preparazione:
1  Mettete dell'olio Evo (abbondante) a scaldare nella padella.
2  Tagliate l'aglio a fettine non troppo sottili oppure schiacciatelo con lo spremiaglio.
3  Lasciate appena appena imbiondire.
4  Aggiungete i gamberetti, la paprica, il peperoncino e il prezzemolo.
5  Lasciate cuocere per 2 o 3 minuti (secondo quanto sono grandi di gamberetti).
6  Servite e mangiate subito accompagnando con pane bianco.

Buon ferragosto a tutti e al prossimo post .... che parlerà di

8 commenti:

  1. Buon ferragostoanche a te!!!!

    RispondiElimina
  2. Bentornata Tina!
    Davvero sei stata via troppo tempo!!!!
    Aspetto le foto delle tue bellissime vacanze e intanto assaporo questa ricettina!
    ^_^

    RispondiElimina
  3. troppo buono! ich glaub ich weiss was ich mir hüt obig zum znacht mache ;-)

    RispondiElimina
  4. spero che tu abbia passato un buon ferragosto e delizioso questo piatto da provare al piu presto!!!baci imma

    RispondiElimina
  5. Bentornata carissima! Ormai sono tornati quasi tutti, pensa che noi dobbiamo ancora partire e siamo in uno stato tipo il tuo di adesso! Tu stai tornando alla normalità e noi non vediamo l'ora di fuggire da essa e quanto alle cose da fare, ne ho mille, tra cui stirare una pila tale di cose se voglio preparare le valige!
    Il piattino che ci proponi è davvero accattivante, ci abbiamo lasciato gli occhi incollati, noi adoriamo i gamberi e così sembrano irresistibili!
    Buona settimana
    Sabrina&LUca

    RispondiElimina
  6. @Barbara: grazie carissima...

    @Anna: belle lo sono state davvero e finalmente mi sono potuta riposare. A presto con le foto ;-))

    @Wanda: spero che tu abbia provato questa ricetta... altrimenti la preparo la prossima volta che mi vieni a trovare, che ne dici? baci

    @Imma: ... noi non finivamo più di fare la scarpetta. bacioni!

    @Luca and Sabrina: a casa nostra vanno tutti matti per questo piattino. non vi dico le gare a chi pulisce meglio il piatto. buone vacanze a voi ragazzi! bacioni e a presto!

    RispondiElimina
  7. Il tuo blog ha attirato la nostra attenzione per la qualita delle sue ricette.
    Saremmo felici se lo registrassi su Ptitchef.com in modo da poterlo indicizzare.

    Ptitchef e un sito che fa riferimento ai migliori siti di cucina del
    Web. Centinaia di blog sono gia iscritti ed utilizzano Ptitchef per
    farsi conoscere.

    Per effettuare l'iscrizione su Ptitchef, bisogna andare su
    http://it.petitchef.com/?obj=front&action=site_ajout_form oppure su
    http://it.petitchef.com e cliccare su "Inserisci il tuo blog - sito"
    nella barra in alto.

    Ti inviamo i nostri migliori saluti

    Vincent
    Petitchef.com

    RispondiElimina

Grazie del tuo commento... positivo o negativo che sia. Nella vita non si smette mai di imparare!